Castel d'Asso

Il centro etrusco di Castel d’Asso, anticamente chiamato Axia, fu scoperto da Francesco Orioli con il domenicano Pio Semeria nel 1817 ed è particolarmente importante per le sue tombe rupestri a facciata. Si estendeva per circa 10 ettari su un pianoro posto alla confluenza del Riosecco nel Freddano. L’occupazione del settore orientale del pianoro è datata almeno all’inizio del VI secolo a.C., ma a partire dal IV secolo a.C. il settore occidentale, che viene fortificato con due fossati, presenta la maggiore densità di occupazione. Axia conobbe il suo massimo sviluppo fra la metà del IV e la metà del II secolo a.C. L’area della necropoli si trova strategicamente ubicata su un antico asse viario che conduceva da un lato verso Tuscania e dall’altro verso Viterbo e il lago di Bolsena.
Disposte su tre ordini condizionati dalla topografia della zona, le tombe sono per lo più concentrate sul versante nord della valle del Freddano e sui due fianchi della vallecola che porta al piano della Vaccareccia. Le tombe a dado erano costruite in lotti proprietà di singole famiglie, come si deduce dalla presenza, su circa un quarto delle tombe, di cifre numerali da 13 a 41 (forse alludenti allo spazio esterno di pertinenza). Le terrazze delle tombe, sede del culto funerario, hanno restituito ancora sul posto cippi a casetta anepigrafi (privi di iscrizioni), riferibili alle sepolture femminili, mentre nei vani di sottofacciata sono stati rinvenuti cippi a colonnetta, con iscrizioni riferibili sia a uomini che a donne. Dopo la metà del II secolo a.C., l’utilizzazione della necropoli continua con sepolture secondarie per lo più esterne alle camere, fino al 50 d.C. circa.

- Resta connesso -

Rimani in contatto con le città d'Etruria e troverai contenuti in continuo aggiornamento: eventi e novità sul territorio, nuovi percorsi tematici per pianificare al meglio viaggi ed escursioni.

Scopri in viaggio nelle città d'Etruria, i volumi di ARA edizioni dedicati a Cerveteri, Tarquinia e Vulci. 

Resta connesso! L'eterna scoperta è appena iniziata...